Skip to content Skip to footer

Presentato il Festival biblico 2015!

“Custodire il Creato, coltivare l’Umano”: presentato il Festival biblico
Per l’XI edizione tanti ospiti e opportunità, anche insieme a Presenza Donna



Riportiamo qui sotto il comunicato stampa trasmesso dalla segreteria del Festival biblico in occasione della conferenza stampa di presentazione dell’XI edizione del Festival biblico di Vicenza. (foto di Lucio Rossetto)

Ripensare seriamente al rapporto con se stessi, con
gli altri e con il mondo. È questo che invita a fare il tema lanciato
per la XI edizione del Festival Biblico ‘Custodire il Creato, coltivare l’Umano’, che dal 21 maggio al 2 giugno prenderà il via a Rovigo, Padova, Verona e Trento per terminare, in un lungo fine settimana di grandi eventi, a Vicenza, città-madre dell’iniziativa. Il Festival è stato presentato alla stampa in una conferenza a Palazzo Trissino di Vicenza nella bellissima Sala degli Stucchi alla presenza del Sindaco Achille Variati, del vice sindaco Jacopo Bulgarini d’Elci, del vescovo mons. Beniamino Pizziol, dei due presidenti del Festival, mons. Roberto Tommasi e Don Ampelio Crema, del professor Leopoldo Sandonà, responsabile programma per Vicenza e i responsabili del Festival a Padova, Verona, Rovigo e Trento.


 


Veramente tanti gli appuntamenti nella città del Palladio che, oltre a molte novità, come la nascita di ‘Esplorificio’,
un progetto fatto dai giovani per i giovani che prevede anche
un’esperienza di comunità, contempla un programma nutrito di grandi
ospiti diviso in ben 5 percorsi: Teologia e spiritualità, Cultura e società, Arte e spettacoli, Scienza e fede e Luoghi e percorsi.

Quasi un centinaio gli eventi nella città berica per la rassegna promossa dalla Diocesi di Vicenza e Società San Paolo. Per 5 giorni – dal 29 maggio al 2 giugno
– Piazza Duomo diventerà una sorta di festoso quartier generale del
festival offrendo luoghi e spazi per momenti di riflessione su argomenti
di grande attualità, ma anche di condivisione e conoscenza.
Dall’economia della relazione, saldamente fondata sull’antropologia
biblica, alla fraternità, intesa come elemento per disegnare un futuro
economico basato sulla felicità e non sul consumismo sfrenato, dalla
custodia e il rispetto delle risorse, tanto umane quanto ambientali, al
dialogo interreligioso come rinnovamento del legame tra il divino,
l’umano e l’ambiente.


 


Tra gli ospiti della rassegna culturale sulle Sacre Scritture l’arcivescovo di Milano Angelo Scola, i biblisti Jean Louis Ska, Donatella Scaiola, Massimo Pazzini, Corinne Lanoir, Armand Puig i Tàrrech, Luca Mazzinghi, i teologi Jürgen Moltmann, Richard Bauckham, Paolo Benanti, Giovanni Cesare Pagazzi e Simone Morandini, i sociologi Ilvo Diamanti, Chiara Giaccardi e Mauro Magatti, gli architetti Paolo Portoghesi e Sergio Los, l’economista Luigino Bruni, lo psichiatra e scrittore Vittorino Andreoli, l’astrofisico Alessandro Omizzolo, il filosofo Silvano Petrosino, il meteorologo e climatologo Luca Mercalli, la ballerina e pittrice Simona Atzori e Sammy Basso,
il ragazzo vicentino, affetto da progenia, uno dei 5 casi in tutta
Italia, che è diventato testimonial in tutto il mondo di forza e
coraggio anche grazie al docufilm “Il viaggio di Sammy”.


 


EVENTI: Un assaggio della rassegna lo si potrà già avere la sera del 20 aprile con la riflessione teologica sul tema del festival a cura di padre Ermes Ronchi che, in dialogo con la scrittrice Marina Marcolini,
spiegherà come ritrovare nella Parola la comune custodia dell’umanità.
La tradizionale Lectio magistralis inaugurale quest’anno sarà affidata
all’arcivescovo di Milano Angelo Scola che, giovedì 28 maggio, nel Tempio di S. Lorenzo, aprirà la XI edizione del Festival Biblico
con un evento-dialogo che parte dalla domanda: cosa nutre la vita?
Un’analisi tra ciò che offre il presente e ‘la coltivazione’ di ciò che
rende ultimamente uomini, sospesi tra desiderio e felicità. L’evento
sarà accompagnato dai Polifonici Vicentini diretti da Pier Luigi Comparin.


 


Tanti gli ospiti che caratterizzano il percorso Teologia e spiritualità.
Riscoprire la custodia del proprio spirito e della propria interiorità
rappresenta una sfida particolarmente attuale per l’uomo post-moderno
dominato da troppe sollecitazioni. Proprio alla riscoperta di questa
spiritualità condurrà Antonio Maria Sicari, teologo carmelitano scalzo in ‘Ecologia del cuore’ venerdì 29 maggio alle 16.00. Sabato 30 alle 15.00 Jean Louis Ska con Aldo Martin
si interroga sulla Genesi: indica una supremazia dominante dell’uomo
sul mondo o un mite dominio da esercitare con rispetto? Sempre sulla
Genesi e sempre sabato 30, in un’analisi tutta al femminile, si
interroga anche la biblista