Skip to content Skip to footer

FAMIGLIE: UN ITINERARIO DI FORMAZIONE CONDIVISA

UN CONVEGNO CON LA PRESENTAZIONE DI TRE LETTERE APERTE










































Sabato 1 dicembre 2012, presso il Centro Culturale S. Paolo di Vicenza, la Congregazione delle Suore Orsoline scm e l’Associazione “Presenza Donna” hanno presentato l’esperienza di un itinerario di formazione condiviso sulle FAMIGLIE. Un appuntamento pubblico al termine di un percorso di discernimento durato circa un anno. Il Centro Culturale S. Paolo I primi arrivi
Il saluto di don Ampelio Crema Don Ampelio Crema dei P. Paolini ha fatto gli onori di casa, mentre sr. Maria Grazia Piazza, suora orsolina e membro di Presenza Donna, ha introdotto l’incontro richiamandone le motivazioni e i passi fatti, a partire dalla prima tavola rotonda realizzata a Breganze nel dicembre 2011.  Ha ricordato che la Congregazione e l’Associazione Presenza Donna hanno un impegno comune. Saluto introduttivo

Quello di realizzare delle iniziative di formazione condivisa per leggere evangelicamente la realtà in cui siamo inseritiIn tal senso è stato scelto un tema di grandissima attualità: le

FAMIGLIE, volutamente al plurale.  Soprattutto ha sottolineato il metodo scelto per affrontare da cristiani adulti tale sfida complessa: il discerni-mento evangelico culturale e pastorale.
L'introduzione a nome delle Suore Orsoline e di Presenza Donna partecipanti al Convegno
Introduzione alle lettere aperte
In questa occasione sono state presentate tre lettere aperte frutto del percorso condiviso dal gruppo che ha sperimentato il discernimento.

Un percorso richiamato da don Dario Vivian, teologo e membro di Presenza Donna, che ha accompagnato l’itinerario e che in questa occasione ha voluto sottolineare con forza la positività dell’esperienza vissuta.
la presentazione del percorso di don Dario Vivian
Il discernimento – ha detto – ci vede tutti protagonisti, come popolo di Dio; non per arrivare a risposte definitive, quanto piuttosto per indicare un possibile itinerario comune. Da credenti giustamente pensiamo che per sapere cosa ci dice il Dio di Gesù Cristo, ci mettiamo in ascolto della sua Parola contenuta nelle Scritture; un testo che va messo dentro il contesto, cioè la storia, riferendosi a chi quei testi li ha scritti e a noi che li leggiamo. In realtà la storia è essa stessa testo da ascoltare e da leggere, dal momento che il medesimo Dio che parla nelle Scritture continua a parlare dentro la storia. don Dario Vivian un ascolto attento

Fancesca Nardin legge la prima lettera


La prima lettera presentata è stata quella alle famiglie, scritta per testimoniare la tenerezza di un Dio Padre e Madre, accoglienza per ogni creatura ed ogni realtà, che si fa vicino a tutti attraverso situazioni e persone… (se vuoi continuAre a leggere clicca qui)

  

Ad essa ha dato risonanza con una testimonianza molto significativa Antonio Tognato, consigliere dell’Associazione “Rete Famiglie Aperte” di Vicenza.

Antonio Tognato ha voluto premettere al suo intervento la visione di un breve video che mostrava il significato dell’essere e fare rete come famiglie.
  
Antonio Tognato
presentazione di Rete Famiglie Aperte Mentre scorrevano alle sue spalle (come si vede nella foto a sinistra) le immagini che descrivono la vita animata dell’associazione, ha raccontato la sua esperienza di giovane famiglia che ha scelto di aprire le porte all’accoglienza non solo di bambini bisognosi di un supporto, ma anche di giovani adulti alla ricerca di una luce per stabilizzare il proprio futuro. Francesca legge la lettera alla Chiesa
La seconda lettera viene rivolta alla Chiesa (se vuoi leggerla clicca qui) e ad essa hanno dato risonanza con una testimonianza particolarmente toccante i membri del gruppo “Animati dalla Parola”, che dal 1997 offre un cammino di fede per Divorziati-Risposati presso Casa Mater Amabilis a Breganze. Emanuela Carcereri ha presentato il gruppo, che fa riferimento all’Ufficio Diocesano Pastorale Matrimonio e Famiglia di Vicenza, con le sue finalità e con le sue aspirazioni. presentazione del gruppo Animati dalla Parola

anche il gruppo scrive alla Chiesa























intervento delle coppie del gruppo l'intervento di Giuseppe Bolcato

e quello di Emanuela Carcereri


L’ultima lettere è stata rivolta alla società civile ed istituzionale (se vuoi leggerla clicca qui) e ad essa ha dato riscontro Roberta Battocchio, responsabile del Servizio Progetti per la Famiglia del Comune di Schio. Si tratta di una realtà di politiche locali piuttosto all’avanguardia sul nostro territorio che cerca di conciliare il privato sociale, le associazioni di categoria e il servizio pubblico in una rete trasversale a servizio della famiglia.

la lettura della lettera alle istituzioni

l'esperienza del Servizio Progetti per la Famiglia di Schio
Roberta Battocchio
  

Il senso dell’incontro è stato ribadito alla fine da don Dario Vivian che non ha potuto non evidenziare che più che una conclusione di un percorso si tratta di una tappa che attende ulteriori sviluppi di approfondimento e di impegno responsabile e solidale.
Le conclusioni affidate a don Dario

Scrivere a voi impegna noi per primi, nei diversi ambiti in cui siamo presenti e operiamo, a metterci in gioco per cercare vie di incontro, di confronto, di cittadinanza solidale; a pensare ed attuare nuove occasioni di formazione condivisa. 

  

Ciascuno/a ora è impegnato a diffondere le tre lettere consegnate al termine del Convegno.
al termine ad ognuno vengono consegnate le letterre anche a M. Samuela Sartorel, Superiora Generale delle Suore Orsoline scm
ringraziamo per la presenza l'Assessore Giuliari GRAZIE!!!