La riflessione di Donatella Mottin

  • 5.6.2019

"Mentre stava compiendosi
il giorno della Pentecoste,
si trovavano tutti insieme
nello stesso luogo” (At 2,1)

 

Il libro degli Atti degli Apostoli ci narra che la prima comunità di Gesù, dopo la sua morte, si riuniva abitualmente a Gerusalemme "nella grande sala al piano superiore” (At 1,13). Erano gli apostoli, altri discepoli, Maria madre di Gesù e alcune donne (At 1,14).

Nello stesso luogo, si trovavano tutti insieme, anche nel giorno di Pentecoste quando gli ebrei festeggiano l’antico dono della Legge, consegnata a Mosè sul monte Sinai.

La nuova relazione che Gesù aveva instaurato tra tutti gli esseri umani e Dio, aveva bisogno di una nuova Alleanza che si manifesta, per la comunità di Gesù, con il dono dello Spirito Santo.

"… e tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi” (At 2,4).

L’essere "colmati” di Spirito Santo ha come prima manifestazione il parlare in lingue diverse, poter comprendere e farsi capire da tutti coloro che, provenienti da altri luoghi e realtà parlano anche lingue diverse. La chiesa, che non può imporre un unico linguaggio, è chiamata allo sforzo del dialogo che, frutto e forza dell’amore di Dio, non chiede a nessuno di rinunciare alla propria identità e considera ricchezza per tutti, le diversità di ciascuna e di ciascuno.

©2015 Associazione Centro Documentazione e Studi “Presenza Donna”, Contrà Mure Pallamaio 23, 36100 - Vicenza - P.IVA: 02540700248

User Login
Non sei registrato? fallo ora!