• 6.11.2018

Molte volte nei Vangeli Gesù viene presentato in preghiera. Non tanto nei momenti – pochissimi – in cui si narra della sua presenza nelle sinagoghe o nel tempio, quanto piuttosto quando si ritira da solo, in luoghi deserti, per rivolgersi al Padre. La sua preghiera deve essere stata, come tutto in lui, una novità pregnante di significato se i suoi discepoli, che erano ebrei abituati fin da bambini all’obbligo di rivolgersi a Dio, sentono il bisogno di chiedergli di insegnare loro a pregare come lui pregava. Gesù stesso invita i credenti a una preghiera incessante (Lc. 21,34-36) senza paura di importunare Dio e porta come esempio di chi non si stanca, l’immagine di una donna che chiede giustizia a un giudice (Lc 18,1-8).

La preghiera è relazione che cresce e continua ad essere viva nel mantenere, in modi diversi, il rapporto con Dio
Fin dal suo inizio, la storia del popolo d’Israele è un continuo presentarsi di forme di preghiera che trovano un esempio particolarmente significativo nel libro dei Salmi, preghiera di un popolo che si rivolge a Dio nei momenti più significativi della sua storia. In molti libri della Bibbia si trovano però uomini e donne che innalzano a Dio le loro parole per mantenere viva questa relazione.
Così accanto ad Abramo, Mosè, Davide, Salomone, Giobbe... con le loro invocazioni, salmi e preghiere, troviamo nel libro dell’Esodo il canto di Miriam, la sorella di Mosè che con timpani e danze coinvolge le donne del popolo per cantare al Signore la gratitudine per averli liberati dalla schiavitù dell’Egitto; nel libro dei Giudici, Debora, giudice e profetessa, che dopo aver incoraggiato e guidato Barak nella lotta per la liberazione del popolo, innalza un canto a Dio perché possa diventare memoria e tradizione per il popolo di quanto accaduto. Nei primi due capitoli del primo libro di Samuele c’è invece il racconto di Anna, che diventerà la madre di Samuele, che ‘consumata’ dal desiderio di un figlio rivolge a Dio una preghiera nel tempio, ormai priva di voce e in un atteggiamento così afflitto da essere scambiata per ubriaca… e così per molte altre figure femminili.

Preghiere di donne
È possibile individuare una specificità femminile nella preghiera? Probabilmente no, perché non c’è un modo, uguale per tutti, "giusto o sbagliato” di pregare; una modalità non ha più valore o significato di un’altra, anche se spesso vengono valorizzate e insegnate preghiere consolidate e, a volte, rigide all’interno di alcuni schemi.
Se però la preghiera è relazione con Dio, una relazione che cresce nella nostra vita, scaturendo dal quotidiano nella sua diversità, forse alcuni modi di pregare delle donne possono darci respiro e desiderio di vivere in modo sempre più profondo e diversificato questa relazione con un "tu".
Una preghiera di relazione è quella che vivono le donne che incontrano Gesù nei racconti evangelici: Maria, che "traduce” a Gesù il bisogno di altri semplicemente presentando una situazione "Non hanno più vino” (Gv 2,3); l’emorroissa, che dopo aver trovato il coraggio – lei considerata impura – di toccare Gesù, si prostra davanti a lui dicendogli tutta la verità del suo dolore (Mc. 5,21-43); la donna siro-fenicia, straniera che non teme di rivolgersi a Gesù e insistere con lui affinché guarisca la figlia malata (Mt 7,24-30), e tante altre figure spesso lasciate o in secondo piano. Molto spesso la preghiera delle donne è di intercessione per le sofferenze di coloro che amano; sanno unirsi nelle loro preghiere ad altre donne, anche di fedi diverse; si rivolgono al Dio della vita perché sia fedele alle sue promesse di pace e giustizia e il loro desiderio è così profondo che supera ogni muro e barriera, coinvolge corpo, gesti e voce e si mette in cammino.

Donatella Mottin
direttrice CDS Presenza Donna

La preghiera delle madri - cristiane, ebree e musulmane cantano la preghiera delle madri nei territori di Israele e Palestina


©2015 Associazione Centro Documentazione e Studi “Presenza Donna”, Contrà Mure Pallamaio 23, 36100 - Vicenza - P.IVA: 02540700248

User Login
Non sei registrato? fallo ora!